Home/Realtà aumentata, un nuovo linguaggio di comunicazione

You are here

Realtà aumentata, un nuovo linguaggio di comunicazione

19 122017

description

Con la realtà aumentata anche la carta assume un nuovo ruolo da protagonista. Diventa infatti portatrice di contenuti digitali acquistando un nuovo valore e una nuova prospettiva e aggiungendo alle proprie caratteristiche una dinamicità impensabile fino a poco tempo fa. Scopriremo a Print4All quali nuove opportunità si aprono per chi si occupa di comunicazione.

Esiste una tecnologia che, più di tutte, integra mondo fisico e mondo digitale. È la realtà aumentata (in inglese, augmented reality o AR). Espressione suggestiva e alquanto parlante, in effetti. Perché con questa tecnologia le proprietà e le potenzialità del mondo reale vengono davvero ‘aumentate’. Come? Grazie al digitale. Nella maggior parte dei casi, la realtà aumentata per esistere ha bisogno di un tag stampato. La carta acquisisce quindi un nuovo valore, una nuova profondità. Alle proprie caratteristiche peculiari e distintive, la staticità e la permanenza, aggiunge la mutevolezza e la dinamicità. Infatti i contenuti digitali possono essere aggiornati senza bisogno di cambiare tag e possono essere fruiti nella lingua che l’utente ha impostato sul proprio dispositivo, possono inoltre mutare sulla base della geolocalizzazione. Facciamo un esempio concreto: immaginiamo un invito a un evento corporate, stampato su carta preziosa ed elegantissima. Attraverso la App del brand organizzatore, inquadrando il cartoncino, riusciamo ad accedere alle informazioni per arrivare all’evento, anche guidati da un avatar 3D. Possiamo conoscere l’elenco degli invitati e vedere una breve presentazione di ciascuno. Nel caso in cui non riusciamo a partecipare, possiamo seguirlo in streaming. Tutto questo, prima dell’evento. Dopo, sempre inquadrando lo stesso invito in cartoncino, possiamo accedere a una serie di contenuti aggiuntivi: fotografie e video a 360°, progetti e rendering 3D, siti dedicati… le possibilità sono praticamente infinite. Lo stesso vale se il tag è un’immagine stampata su un catalogo, la pubblicità di una rivista, una bag, una scatolina. Che si tratti di un giornale o di un packaging, di un’etichetta o di una pagina pubblicitaria, una cosa è certa: con la realtà aumentata la carta può diventare il palcoscenico di uno spettacolo, dove si raccontano i brand e le loro storie.

Dopo tanti anni in cui la realtà aumentata è rimasta confinata nel settore dei videogame o è stata al massimo un esercizio virtuosistico di qualche brand particolarmente all’avanguardia, ora sta cominciando a varcare anche le soglie delle aziende, il cui interesse crescente riguarda vari ambiti, tra cui quello della formazione, del branding e del marketing. Infatti solamente tecnologie avanzate come la realtà aumentata o virtuale sono in grado di veicolare in modo efficace volumi di informazioni così cospicui come quelli richiesti in questi ambiti.

In termini di fatturato, l’aspettativa di crescita del mercato è considerevole: secondo lo studio di Allied Market Research il mercato della realtà aumentata e virtuale passerà dai 760 milioni di dollari del 2015 ai 59,5 miliardi entro il 2022. Ovvero un tasso medio di crescita annua del 65,7% dal 2016 al 2022. Dati che sono ancora più ottimistici secondo la ricerca Augmented Reality (AR): Market Shares, Strategies, and Forecasts, Worldwide, 2016 to 2022 di Wise Guy Reports. Qui si prevede che il solo mercato della realtà aumentata, stimato 659,7 milioni di dollari nel 2015, raggiungerà gli 80,8 miliardi di dollari entro il 2022. Se il 2016 è stato l’anno dell’esplosione della conoscenza dell’AR su scala globale, l’Unione Europea e i grandi brand del digitale in questo mercato ci credono fortemente, e si stanno muovendo da anni. Dal 2008 l’UE ha assegnato risorse in questo campo per oltre un miliardo di euro. E con il piano nazionale Industria 4.0, in cui la realtà aumentata è inserita tra le tecnologie abilitanti a supporto dei processi produttivi che le aziende sono incoraggiate ad adottare, queste risorse sono destinate a crescere.

Copyright © 2016 Fiera Milano SpA
SEDE LEGALE Piazzale Carlo Magno 1, 20149 Milano
SEDE OPERATIVA Strada Statale del Sempione, 28 - 20017 Rho (Milano)
P.IVA C.F. 13194800150 - Tel. +39 02.4997.1 - Fax. +39 02.4997.6252
e-mail: print4all@fieramilano.it

PRIVACY COOKIE