image

ROADMAP TO PRINT4ALL: DALLA FUTURE FACTORY UN CONFRONTO PER UNO SVILUPPO POSSIBILE

Leggi il comunicato

Scopri tutte le novità

image

ROADMAP TO PRINT4ALL: DALLA FUTURE FACTORY UN CONFRONTO PER UNO SVILUPPO POSSIBILE

Leggi il comunicato

Scopri tutte le novità

Etichette, dove innovazione e tradizione si fondono
image
Nell’ambito della roadmap di avvicinamento a Print4All 2022 si è recentemente tenuto il webinar “Proteggi, Personalizza, Nobilita. Tutta l’innovazione nella stampa delle etichette”, organizzato dal Gruppo Labelling di ARGI | Accorciamo le distanze. Un appuntamento con al centro, ovviamente, l’etichetta, in particolare quella vinicola.

Nell’ambito della roadmap di avvicinamento a Print4All 2022 si è recentemente tenuto il webinar “Proteggi, Personalizza, Nobilita. Tutta l’innovazione nella stampa delle etichette”, organizzato dal Gruppo Labelling di ARGI | Accorciamo le distanze. Un appuntamento con al centro, ovviamente, l’etichetta, in particolare quella vinicola.

 

Nel mondo del vino i trend parlano di una forte crescita del venduto online (+105% nel 2020, con alcune piattaforme che hanno raggiunto anche il +140%) e un aumento di microvinificazioni (piccoli lotti numerati con maggior valore di mercato). Contemporaneamente, le macchine da stampa digitale per etichette crescono del 19% anno su anno, con uno share di fatturato che è passato in Italia dal 13% del 2019 al 22% del 2020.

 

Dinamiche complementari, dove la stampa digitale offre tempi di lavorazione rapidi e gestione del dato variabile sempre più richiesti dal mondo delle etichette, la cui domanda porta gli stampatori a aumentare gli investimenti in un comparto in forte crescita.

Un accorciamento di distanze che è stato il fil rouge nel webinar i cui protagonisti sono stati due designer (Mario Di Paolo e Stefano Torregrossa), un brand (la cantina Ferro 13 nella persona di Gabriele Stringa) e uno stampatore (Nicola Roccati di Rotocel).

 

Mario Di Paolo, fondatore di Spazio Di Paolo, ha parlato di come la stampa digitale offra oggi grande flessibilità produttiva, permettendo di creare in tempi rapidi, quasi immediati, etichette di grande qualità che contemporaneamente lasciano libera la creatività del designer. Che non deve essere solo abilità grafica, ma anche conoscenza delle tecniche di stampa, studio dei materiali, approfondimento della filiera produttiva del prodotto che nell’etichetta viene raccontato. In sostanza, il designer deve inserire molta più fisicità nel proprio lavoro, riducendo la lavorazione virtuale a schermo per immergersi nel brand.

 

Un concetto su cui anche Stefano Torregrossa, direttore creativo di O’Nice! Design Studio, ha concordato portando, quale esempio pratico, il progetto che ha creato in collaborazione con Ferro 13 in occasione di Brand Revolution LAB 2020. Mosso da un desiderio di vicinanza impossibile quando è stato concepito (marzo 2020), il progetto di Ferro 13 spinge i limiti della stampa digitale all’ennesima potenza. Partendo dall’idea di regalare una bottiglia di vino a un amico si sviluppa un flusso produttivo end-to-end, che consegna al destinatario un pack a nobilitazione variabile, che contiene e protegge una bottiglia in vetro decorato su cui è stata applicata un’etichetta che riporta il nome del destinatario, quello del mittente e la distanza in metri che separa le due persone. Questa etichetta è protetta da una cartolina, avvolta attorno alla bottiglia, che riporta gli stessi dati più il messaggio augurale inserito sull’e-commerce. Di fatto, ogni singolo pezzo è completamente unico in ogni suo aspetto. Questo progetto, come ha sottolineato Gabriele Stringa, uno dei quattro fondatori di Ferro 13, è espressione di un desiderio del brand di distinguersi, di tentare nuove strade. Questo coraggio imprenditoriale spesso manca a tanti produttori, con il rischio di confondersi fra mille altre cantine della stessa zona e con gli stessi valori. Per distinguersi bisogna trovare vie più moderne per narrare il brand e quello che vuole incarnare.

 

Sempre nell’ottica dell’accorciamento delle distanze, Nicola Roccati di Rotocel ha parlato di come lo stampatore deve collaborare costantemente col cliente, lavorando a stretto contatto per tutto il processo di creazione dell’etichetta, in modo da poter essere vero e proprio partner. Ovviamente la stampa digitale aiuta moltissimo questo processo, tanto che oggigiorno la stampa di etichette è quasi tutta realizzata con questa tecnologia, a eccezione delle grandi tirature dove conviene ancora usare metodi tradizionali. Il campo di maggior sperimentazione e contaminazione è quello della nobilitazione, dove vengono utilizzate tutte le tecnologia possibili. La scelta è sempre guidata dalla tipologia di applicazione da realizzare, in quando ciascun processo può richiedere caratteristiche di precisione e qualità meglio servite da una specifica tecnologia di stampa. Terreni dove comunque la nobilitazione digitale arriverà presto a poter competere.

 

Per rivedere il webinar https://www.youtube.com/watch?v=gwz17eAz9aw