image

ROAD TO PRINT4ALL: SPAZIO A FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE, IN ATTESA DELL’APPUNTAMENTO DEL 2022

Leggi il comunicato

Scopri tutte le novità

image

ROAD TO PRINT4ALL: SPAZIO A FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE, IN ATTESA DELL’APPUNTAMENTO DEL 2022

Leggi il comunicato

Scopri tutte le novità

Automazione fa rima con rivoluzione
image

L’automazione porterà 58 milioni di posti di lavoro in più entro il 2022. È il saldo netto stimato dal World Economic Forum nel report The future of jobs pubblicato a fine 2018, fra i 75 milioni di professionalità che diverranno obsolete con l’introduzione di intelligenza artificiale e robot e i 133 milioni di nuove occupazioni create per gli stessi motivi. Un cambiamento che sta passando come un tornado anche sulle aziende di stampa italiane.

Cambierà, e sta già cambiando, il modo il lavorare. La quarta rivoluzione industriale si muove sui binari dell’intelligenza artificiale, delle reti internet 5G, dei big data e del cloud, che necessitano di professionalità in grado di gestirle. Non meno della metà di tutti i dipendenti delle aziende al mondo, secondo l’analisi condotta dal WEF, avrà bisogno di nuova formazione. Ci vorrà del tempo: per questo “re- and upskilling” il 35% impiegherà fino a sei mesi per formarsi, il 9% fino a un anno e uno su dieci più di 12 mesi.

Il cambiamento sta passando come un tornado anche sulle aziende di stampa italiane. La riduzione delle tirature e il moltiplicarsi delle commesse, l’immediatezza dell’online printing e la necessità di calcolare al millesimo costi e guadagni del singolo foglio in macchina, rendono indispensabile la rivoluzione anche per gli stampatori. L’iperammortamento previsto dal piano Industria 4.0 e le attività di supporto alla digitalizzazione svolte dalle associazioni di settore stanno orientando le aziende nella giusta direzione. Dal Check-up Industry 4.0 realizzato da Federazione Carta e Grafica e SDA Bocconi “emerge una chiara tendenza: seppur con un certo ritardo complessivo la filiera si sta muovendo verso la creazione delle condizioni strutturali per poter poi cogliere appieno i vantaggi e le opportunità offerte dalla trasformazione paradigmatica in atto”, si legge. La strada è lunga, ma la direzione è quella giusta.