image

ROADMAP TO PRINT4ALL: DALLA FUTURE FACTORY UN CONFRONTO PER UNO SVILUPPO POSSIBILE

Leggi il comunicato

Scopri tutte le novità

image

ROADMAP TO PRINT4ALL: DALLA FUTURE FACTORY UN CONFRONTO PER UNO SVILUPPO POSSIBILE

Leggi il comunicato

Scopri tutte le novità

In evidenza
Carta, cartone ed economia circolare, una storia d’eccellenza italiana
image
Carta, cartone, riciclo e riuso: quattro parole che sintetizzano una storia di eccellenza italiana, in cui la filiera del printing ha un ruolo virtuoso. Una storia cominciata alla fine degli anni Novanta e che vede oggi l’Italia primeggiare, avendo già superato, con l’85% di carta e cartone riciclato, l’obiettivo fissato al 2035.

I dati Comieco sul riciclo e recupero di carta e cartone confermano che la filiera del printing ha una storia virtuosa e sostenibile.  Un percorso iniziato con il Decreto Ronchi del 1997, che andava a recepire la direttiva europea 94/62/CE sul riciclo e recupero degli imballaggi. Secondo tale direttiva, entro il 2001 carta e cartone dovevano essere riciclati in una percentuale variabile tra il 25% e il 45%, con una soglia minima del 15%. Percentuale successivamente elevata al 60% (direttiva 2004/12/CE, con scadenza nel 2008), 75% (direttiva 2018/852/CE con scadenza 2025) e 85% (stessa direttiva, scadenza 2035).

L’Italia arrivò alla prima scadenza, nel 2001, con il 50% di carta e cartone riciclato, ampiamente oltre gli obiettivi. Tre anni dopo, nel 2004, la percentuale era al 62,4%, superiore all’obiettivo europeo di fine 2008. Il 75% previsto dall’Unione Europea per la fine del 2025 è stato raggiunto nel 2009, con ben sedici anni di anticipo. E oggi, i dati Comieco certificano che la soglia dell’85%, da raggiungere entro il 2035, è stata superata lo scorso anno, attestandosi sull’87,4%.

Un risultato che testimonia come la filiera del Belpaese abbia risposto con coscienza civica alla chiamata della sostenibilità, operando a tutti i livelli per uno scopo comune. Basti pensare alla sfida rappresentata dagli ultimi due anni, un biennio nel corso del quale il 56% della produzione cartaria italiana è stata destinata agli imballaggi, per un totale di 4,8 milioni di tonnellate nel 2020 e una crescita del 4,7% rispetto all’anno precedente. A spingere tutto questo la pandemia, ovviamente, che ha portato a un mutamento drastico nelle abitudini di acquisto dei consumatori e dato vita a un boom di eCommerce e delivery. La risposta della filiera è stata esemplare: a fronte di 4,6 milioni di tonnellate di carta e cartone immesse a consumo nel 2020, ne sono state riciclate 4 milioni di tonnellate (87,4%) e recuperate come energia altre 347mila tonnellate, per una percentuale totale del 94,8% (dati Comieco).

Tutto questo conduce a quella circolarità economica che è sempre più l’obiettivo a cui tendere. Secondo i dati 2021 di CEPI, in Europa nel 2020 sono state utilizzate 32 milioni di tonnellate di carta e cartone da riciclo, con una crescita rispetto all’anno precedente del 5,6%. Il Paese con la percentuale di crescita più alta di tutti è l’Italia, che si attesta al 9,3%, superiore anche alla Germania.

Questa storia di eccellenza italiana ha, negli ultimi anni, ricevuto riconoscimenti ufficiali a sottolineare l’ottimo lavoro svolto. Anzitutto l’indicazione, presente nel Recovery Plan approvato dalla Camera nella primavera 2021, che la filiera della carta e cartone è centrale per lo sviluppo tecnologico e sostenibile del Paese. In secondo luogo la definitiva entrata in vigore, il 24 agosto 2021, del decreto 188/2020 che disciplina a livello nazionale i criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto per la carta e cartone oggetto di raccolta differenziata. Una sostituzione nel segno della continuità del precedente DM 5.2.1998 (che a sua volta fu pioniere in Europa) che rende l’Italia l’unico paese europeo assieme alla Spagna ad aver già adottato un sistema di End of Waste.